Ecco a voi ...

Questo è uno spazio ricco di spunti e un luogo di scambi costruttivi

giovedì 20 agosto 2009

i colori, sperimentazioni infinite

Johann Wolfang Goethe (1749-1832), universalmente noto per la sua opera poetica e letteraria, fu anche profondo conoscitore della natura, parte integrante degli studi geometrici sulle forme fondamentali del costruire e progettare, ancor oggi. La sua opera scientifica, che spazia dalla botanica alla zoologia, dalla mineralogia alla meteorologia, dall'ottica alla cromatica, nonostante la sua originalità e possibile fecondità per i tempi attuali, è oggi per lo più sconosciuta al grande pubblico e alla comunità scientifica. ("La teoria dei colori, J.W.Goethe)



La "Teoria dei colori" è un percorso alla scoperta delle leggi che governano il nostro organo visivo, e progressivamente alle leggi del colore nella natura.



COLORI FISIOLOGICI

Luce o tenebra?

E' esperienza comune che trovandosi immersi in una totale oscurità la visione è impedita; l'occhio si pone in condizioni di massima ricettività e anche tutti gli altri sensi si mettono in contatto con l'ambiente per captare e riconoscere l'ambiente.
L'oscurità sembra ritrarsi (contrazione) e pone chi la osserva in condizione di muoversi verso di essa (espansione) quasi alla ricerca dei suoi confini.
Non è esperienza comune invece sperimentare una pura luce se non in condizioni di momentaneo abbagliamento.
Anche qui, la visione è impossibile.
L'occhio si pone in condizioni di massima tensione, e la reazione è quella di ripararsi (contrazione) a fronte dell'invasività della luce (espansione).
Quali sono, dunque, le condizioni che consentono la visione?
Solo la presenza contemporanea, la mescolanza di luce e tenebra, che consentono la visione delle cose.
Un'immagine grigia su fondo nero appare molto più chiara della stessa immagine grigia su fondo bianco.
Si pongano le due immagini una accanto all'altra, e quasi non ci si potrà convincere che ambedue sono colorate con il colore che abbiamo preso dallo stesso vasetto. E' nostra convinzione che qui, nuovamente, si mostra la grande suscettibilità della rètina, e la contraddizione nascosta che ogni vivente è costretto a esprimere quando venga sollecitato da una qualsiasi determinata condizione.
In questo senso l'espirare già presuppone l'inspirare e viceversa, e ogni sistole presuppone la sua diastole. E' l'eterna formula della vita che, anche qui, si svela.
(o.p.c.)






Alcuni esperimenti sulla visione:
Fissare lo sguardo sul punto fra i dischi colorati per almeno 15 secondi, quindi spostarlo sul punto al centro dell'area bianca in basso, e attendere il comparire dei colori.




La tavola mostra una coppia di figure di identico verde, una di figure di identico colore rosso porpora e una coppia di identico grigio. Gli sfondi di colori complementari fanno si che i colori eguali vengano percepiti come diversi. In particolare le figure su sfondo blu assumono una sfumatura giallo-arancio, complementare al fondo e le figure su fondo arancio assumono una sfumatura bluastra.
Lo sfondo colorato, essendo una superficie molto più ampia di quella occupata dalle figure, sollecita maggiormente l'occhio e produce il fisiologico complementare che tinge anche la superficie delle figure.



Ecco come il mondo visto attraverso i colori arricchisca l'uomo di senzazioni, abbagli, illusioni...

6 commenti:

maurizio battista ha detto...

Complimenti per il tuo articolo.
Parecchio tempo fa hai commentato un articolo del mio blog, ma solo oggi ho letto il tuo messaggio. All'epoca (per un disguido) non ricevevo la mail automatica di blogspot che comunica la presenza di nuovi commenti. Meglio tardi che mai... :-)

monica ha detto...

Bellissimo questo post Alessia, sono molto interessata allo studio del colore e tutto ciò che deriva dalla teoria di Goethe. Il colore per noi è una cosa così naturale che non ci rendiamo nemmeno conto di quanto bello e particolare è.

Alessia ha detto...

Grazie del tuo feedback Maurizio!

Alessia ha detto...

Monica, concordo con quanto hai scritto. Il mondo senza il colore perderebbe un'importantissima caratteristica!

Alessia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Peter ha detto...

Mi sono permesso di includere lo sperimento delle complementari nella mia pagina:
http://www.pforster.ch/Colori/ColoriFisiologici.html
Tinte fisiologiche YRB

Grazie 8>)__Peter